Padre Vicente Turri: ha segnato la nostra memoria e il nostro cuore

Vincenzo Turri, missionario comboniano, è morto il 12 ottobre a Castel D'Azzano (Verona, Italia). Aveva 85 anni. Negli ultimi anni aveva sofferto molto a causa di un tumore maligno all'orecchio sinistro. Nelle ultime settimane era peggiorato diffondendosi ad altri organi del suo corpo. Ha lavorato in America Centrale dal 1982 al 2014.

Padre Vicente Turri, missionario instancabile.

Il 19 ottobre abbiamo celebrato nella parrocchia di Nostra Signora della Medaglia Miracolosa del Barrio Cuba una solenne Eucaristia di requien in sua memoria presieduta da P. Víctor-Hugo Castillo Matarrita, superiore provinciale in America Centrale.

Quella che segue è l'omelia di P. Victor-Hugo.

In memoria di P. Vicente Turri

Lagosanto (FE) 05 ottobre 1933 – Castel D'Azzano (VE) 12 ottobre 2018

Parrocchia della Medaglia Miracolosa, Barrio Cuba – San José – Costa Rica

19 Ottobre 2018

"Signore, che cos'è un uomo perché tu ti ricordi di lui; L'essere umano per dargli potere? Lo hai fatto poco inferiore agli angeli, lo hai coronato di gloria e di dignità" (Salmo 8).

È quel mistero dell'uomo, dell'essere umano che contempliamo quando nel nostro cammino incontriamo qualche missionario che segna la nostra vita. Sì, molti di noi sono stati segnati dalla persona e dalla testimonianza di P. Vicente Turri. Il suo passaggio attraverso la nostra terra, attraverso le terre centroamericane ha lasciato il segno. Un segno nella memoria ma anche nel cuore: l'impronta della missione, l'impronta del missionario entusiasta che con il suo timbro di voce e la sua grande creatività ci ha affascinato.

Vicente Turri:

  • Nato a Lagosanto, Provincia di Ferrara -Italia- il 05 ottobre 1933
  • Nel 1945 – all'età di dodici anni – entrò nel seminario di Comacchio.
  • Nel 1950 entra nell'Istituto dei Missionari Comboniani di Verona.
  • Montini (da domenica scorsa -14- San Paolo VI). E nel 1959, il 14 marzo, fu ordinato sacerdote da Mons. Giovanni Mocellini, vescovo di Comacchio, nella città di Mezzogoro, dove era parroco lo zio Mons. Giuseppe Turri. Il 15 marzo (giorno della nascita di San Daniele Comboni) celebra la sua prima Messa nella sua patria Lagosanto.
  • Nel 1962 partì come missionario per la Baja California. E nel 1970 in Messico inizia la sua attività di animatore missionario.
  • Nel 1982, dopo vent'anni in Messico, è stato inviato in Costa Rica per il servizio di animazione missionaria.

Nella parrocchia di Barrio Cuba, in Costa Rica, questo venerdì 19 ottobre, c'è stata una celebrazione speciale, ricordando il grande missionario.

Qui conosciamo il grande impatto che ha avuto: promozione di incontri, gruppi missionari nelle parrocchie, corsi di formazione per animatori missionari, per giovani, adolescenti e bambini dell'infanzia missionaria. Organizzò anche congressi parrocchiali sempre nella dimensione della missione ad gentes. Scrisse e diffuse molta letteratura missionaria diffondendo libri e le riviste Esquila Misional e Aguiluchos per bambini. Ha visitato molte scuole e collegi trasmettendo il suo entusiasmo e promuovendo vocazioni tra i più giovani. Ha interagito con molti amici e benefattori condividendo la passione per la missione attraverso la newsletter "Iglesia Comunidad Misionera". La sua voce era già ben nota attraverso le onde radio con programmi sulla missione ad gentes ma anche per i giovani nella promozione delle vocazioni missionarie. Molti di noi, Comboniani e Comboniane, ci riconosciamo come il frutto della sua immensa opera missionaria e della sua passione.

Fu uno dei grandi promotori, insieme a padre Gianpiero Pini, della costruzione del seminario nella Sagrada Familia.

  • Nel 1989 i suoi superiori gli chiesero di trasferirsi in Guatemala per iniziare lì ciò che era già stato consolidato qui in Costa Rica e altri potevano continuare. In uno spirito di obbedienza prese la sua valigia e si trasferì a Città del Guatemala. Da lì ha anche girato quasi tutto il paese da nord a sud da est a ovest. Alcuni anni dopo si trasferì in El Salvador dove trascorse gli ultimi anni del suo servizio missionario in America Centrale.

In tutti i luoghi in cui ha lavorato come missionario ha sempre mantenuto la stessa metodologia missionaria e la stessa passione per la sua vocazione e missione. I limiti logistici del tempo non gli impedirono di organizzare il suo lavoro. I tasti della sua macchina da scrivere echeggiavano fino a tarda notte o molto presto al mattino. Gli stencil erano i suoi migliori alleati nella moltiplicazione del materiale che produceva per l'animazione missionaria.

In Costa Rica, Guatemala ed El Salvador è sempre stato molto apprezzato dai sacerdoti e dai vescovi che lo hanno conosciuto. Molto amato e stimato da tutti coloro che lo hanno trovato. Ed è che, chi lo ha sentito parlare non è rimasto indifferente. Aveva una grande capacità di affascinare e convincere. P. Vicente insieme a P. Enrique Faré (+) formarono un impressionante duo di missionari appassionati della missione ad gentes. Molti di noi sono stati fortunati e... la grazia di conoscerli e di percorrere con loro "qualche chilometro missionario".

  • Nel 2014 ha chiesto di tornare in Italia, sua terra d'origine, per continuare la sua opera di animazione missionaria. Alcuni di noi hanno cercato un modo per convincerlo a rimanere con noi, ma non ci siamo riusciti. Era convinto che la sua missione in America Centrale fosse finita. Partì con lo stesso entusiasmo missionario con cui aveva trascorso i migliori anni della sua giovinezza in America Centrale e in Messico.

Quando P. Vincenzo ha aperto il suo cuore, sono sorti in lui dei bei momenti della sua vocazione missionaria e comboniana. Dichiarato:

  • Cerco invano l'origine della mia vocazione: fin da bambino mi sentivo incline, quasi istintivamente, alla vita sacerdotale; Sentiva che solo in quel modo poteva essere felice. I miei genitori e i miei insegnanti mi hanno sempre incoraggiato profondamente.
  • Mi piaceva andare al catechismo, alle riunioni e alle feste nella mia parrocchia. Ero felice quando i sacerdoti mi affidavano qualche compito o responsabilità.
  • Sentivo che la missione negli altri continenti mi attraeva irresistibilmente: quella era la mia strada.

Uomo buono e molto umano

Il Padre Provinciale ha ricordato l'uomo buono, il missionario che si è logorato e logorato, l'uomo consacrato da mostrare a Dio.

Le testimonianze su di lui lo definiscono un "testimone discreto e riservato, entusiasta"; Persona molto dolce e dal cuore grande. Al suo piacevole timbro di voce si unì un gesto di affetto e di fraternità che mostrava il Trascendente.

Padre Vincenzo era un uomo buono, umile e di grande gentilezza. Sempre con le sue battute faceva ridere anche chi aveva dimenticato che nella vita vale anche la pena sorridere.

L'umiltà è la capacità del Signore, il cui potere è quello di servire e amare. Umile è colui che non fa valere i suoi diritti, cede piuttosto che arrabbiarsi. L'umiltà è la capacità di riconoscere che nelle relazioni personali la passione persuasiva dell'amore è più efficace della coercizione. L'umiltà è la capacità di credere nella forza dell'amicizia. Chi ama è sempre umile. Ecco perché padre Vincent aveva molti amici. Si ricordavano sempre di lui e chiedevano notizie di lui.

Vincenzo era un uomo buono che si lasciava toccare dal dolore e dalla sofferenza degli altri. In due occasioni, una prima di essere provinciale e l'altra come provinciale in un dialogo fraterno che ho avuto con lui, ho visto che anche il missionario semplice e umile che vedevo in lui aveva la fragilità che traspariva dalle sue lacrime. Anche i missionari piangono. Il dolore e la sofferenza di tante persone che incontriamo lungo la strada ci insegna a piangere.

Grazie P. Vicente per il dono generoso della tua vita offerto nelle terre centroamericane fino a quando le tue forze lo hanno permesso. Grazie per aver amato la Chiesa, l'Istituto e la missione ad gentes.

Grazie per essere rimasto con noi come uomo umile e semplice, a immagine di Cristo. La vostra testimonianza ci edifica.

Grazie per la pazienza con cui avete sopportato la malattia che vi ha accompagnato durante i vostri ultimi giorni mentre, come afferma l'apostolo Paolo, il vostro corpo esteriore veniva consumato.

Il seme della Parola che avete seminato in queste terre, nel tempo continuerà a portare frutto. Il Signore Gesù, che vi ha sempre amati, vi accolga tra le sue braccia e vi conceda il premio promesso ai servitori fedeli.

Riposa in pace!

Victor-Hugo Castillo Matarrita,

Padre Provinciale, PCA

 

 

Chi è online

We have 24 guests and no members online

Proprietà del Sito